Acquisti: come prevenire le truffe online

Per evitare le truffe online basta usare la testa, LA TESTA.

Spesso mi capita di parlare con persone che dopo aver effettuato un’acquisto online con la loro carta prepagata, non hanno mai ricevuto l’oggetto in questione. Contattano il centro assistenza dello shop, ma nulla, nessuna risposta ne via mail ne via telefonica (ammesso ne abbiano una).

Ci ritroviamo davanti ad un classico caso di truffa! E’ successo anche a te? Hai anche tu amici che si sono trovati nello stesso caso? Se hai risposto “si”, sappi che non sei il primo e nemmeno sarai l’ultimo. Purtroppo queste tecniche sono abbastanza diffuse in Italia come in tutto il resto del mondo.

digital-your-mind-social_Acquistare-online_-come-evitare-le-truffe

Diffusa è anche la tecnica di “phishing”, che tratteremo nello specifico in un’altro articolo, ma in breve, consiste nella frode di dati sensibili, spesso tramite email o siti web creati ad hoc per questo scopo. Io in primis sono dispiaciuto che questo accade ancora oggi, perché anche io lavoro nel mondo del web, per cui questo va anche se indirettamente, ad infangare la mia passione e la mia professione.

Ma comunque ho una buona notizia: prevenire, in questo caso è possibile. Come? Non serve nessuno strumento particolare o grandi capacità. Basta solo essere più attenti, o furbi se vogliamo.

In questo articolo ti consiglio di effettuare alcuni controlli prima di concludere l’acquisto da un rivenditore online.

Esempio pratico: devi comprare un braccialetto per la tua ragazza, ma la gioielleria sotto casa ha prezzi troppo alti. Decidi quindi di effettuare una ricerca su google per “bracciale Pandora”. Tra i tanti risultati di ricerca, atterri su uno shop italiano che a prima vista mostra prezzi piuttosto bassi rispetto alla concorrenza.

Così entri nella scheda del bracciale, leggi la breve descrizione, consulti la scheda tecnica… tutto sembra procedere per il verso giusto. Il modello ti piace, è del colore che cercavi, il prezzo è anche relativamente basso. Poi dai uno sguardo alla disponibilità e trovi scritto “In stock – 1 ancora disponibile”. Così non ci pensi due volte, tiri fuori la carta dal tuo portafoglio e ti affretti ad effettuare l’acquisto perché vuoi assolutamente aggiudicartelo prima che un altro lo faccia al posto tuo.

FERMATI!

Non farti cogliere dalla fretta di terminare l’acquisto! Sei proprio sicuro che quello shop sia affidabile? Questo è il comportamento che generalmente assume chi poi è vittima della truffa. Poca attenzione e molta fretta.

Vado adesso ad elencare le cose basilari ed indispensabili da controllare quando si sta per effettuare un acquisto online.

  • Partita Iva o CF
    ogni shop che si rispetti, deve per norma di legge mostrare la propria partita iva o il codice fiscale dell’esercente. Di solito ritroviamo questi dati nella parte finale della pagina web (footer). In caso non ci siano da nessuna parte, beh inizia a porti delle domande.
  • Certificato SSL e sito su HTTPS
    controlla se nella barra dell’indirizzo (URL) del sito ci sia un lucchetto di colore verde e che ci sia la scritta https:// davanti.  Ho parlato di questo tema in un articolo dedicato, dal titolo "SSL/HTTPS: cosa sono, e perchè conviene utilizzarli?".Esempio: https://nomedominio.com. In questo caso iniziamo bene perché significa che il sito crea una connessione protetta e i vostri dati sono indecifrabili.
  • Controlla l’URL
    In molti casi, i siti truffa possiedono pagine statiche realizzate in maniera piuttosto veloce senza perdere molto tempo, ma funzionali allo scopo. Accertatevi che nella barra degli indirizzi, il percorso non sia http://nomedominio.it/acquisto.html.

    L’estensione .html (ovverlo parte finale preceduta dal punto) molte volte indica una pagina statica senza controlli che serve prettamente a raccogliere i dati della vostra carta, senza poi la garanzia che ci sia davvero una elaborazione.Se invece l’indirizzo è di tipo https://nomedominio.it/acquisto.php non c’è da spaventarsi perché in questo caso è presente sia il protocollo https che l’estensione .php che indica una successiva elaborazione dei dati.

    Spesso infatti chi inserisce i dati in una pagina tipo .html, conferma l’acquisto e riceve un messaggio di “avvenuta conferma dell’ordine” rimanendo nella pagina stessa. Questa cosa non è possibile in quanto per avere realmente la conferma, il sistema dovrà elaborare i vostri dati per accertarne la veridicità. Sarete quindi spediti dentro un’altra pagina che dopo i controlli vi confermerà o meno la presa in carico dell’ordine.

  • Visura Partita IVA
    Qualche furbetto può anche inserire una Partita IVA inesistente. Appunto per questo, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione uno strumento online con cui controllare l’esistenza della Partita IVA inserita e il relativo intestatario.Basterà inserire a questo indirizzo la Partita IVA che volete verificare, compilate il form sottostante che accerta che tu non sia un robot e otterrai ciò che cerchi.
  • Intestatario sito
    A questo punto verificate anche l’intestatario del sito. Di solito il sito è intestato alla società, o al nome del titolare della società. In caso cosi non fosse, è un campanello di allarme (non sempre). Quindi incrocia questi dati con i dati del punto 2. Se combaciano, anche questo è positivo.È possibile alcune volte che questi dati siano oscurati, questo molte volte è possibile si verifichi su domini con estensione “.com” oppure a discrezione del fornitore del servizio.
  • Pagamenti con PayPal
    Verificate che lo store in questione accetti pagamenti paypal. Con questa ulteriore verifica sei al sicuro già all 80%. Paypal è un ottimo sistema di pagamento online. In sostanza vi protegge dalle truffe.Se acquistate un prodotto e pagate con questo metodo, anche se non lo ricevete, avete 30 giorni di tempo per inoltrare un reclamo alla società che provvederà al rimborso totale della somma. Paypal è molto severa nei confronti di chi vende appunto per garantire la tutela del cliente.

    Se riscontri problemi, cerca quindi di risolvere prima direttamente tramite il venditore. Se invece il venditore si rifiuta, allora procedi direttamente con l’apertura di un reclamo PayPal.
    Detto questo quindi, uno store che accetta paypal dovrebbe essere in buona fede.

  •  Dettagli del venditore
    Chi esercita il commercio online, se è in buona fede, non ha nessun problema ad esporre la sua sede fisica con un modulo di google maps, a raccontare la sua storia e magari a linkare il suo profilo social privato.Controllate che abbia tutte le pagine standard che un e-commerce deve avere: dove siamo, chi siamo, procedure di reso (RMA), modalità di pagamento e vettori di spedizione, vision e mission aziendale. Se possiede queste pagine, perdete qualche secondo ed entrateci.

    Alcuni furbetti creano queste pagine vuote solo per collegarle alla home-page e creare un effetto puramente visivo, perché sanno che rassicurano il cliente, che al’50% dei casi non le visiterà mai.

  • Ambiente di dominio
    Quando stai per inserire i tuoi dati, controlla sempre di rimanere all’interno dello stesso dominio.Esempio: se stai acquistando sul sito nomedominio.it, accertati che ogni pagina in cui vieni rimandato sia presente nello stesso dominio, tipo nomedominio.it/acquisto.php e non nome54dominio.biz/acquisto.php. In questo caso puoi notare che il nome di dominio - la parte prima dello slash “/” - non coincide.

    Questo è uno dei metodi molto diffusi. A questo fanno eccetto le pagine di destinazione di pagamento degli istituti di credito. Se paghi con paypal molto probabile il sistema ti reindirizza sul sito di paypal stesso per il pagamento. In questo caso potete fidarvi perché il sistema e le pagine sono protette. Non fidatevi di nessun’altro dominio o sito che non sia quello degli istituti di credito;

  • Ricerca
    A questo punto ho elencato i controlli basilari da effettuare prima di concludere un’acquisto. Ma ce n'è ancora uno. Prima di acquistare, fai ricerche su google di quello shop, leggi le recensioni di altri utenti, valuta i punteggi e a seconda di come se ne parla, fai la tua scelta.

 

Può capitare alcune volte di essere indecisi sull’acquisto perché ci sono pareri discordanti in merito, e dei procedimenti che ti ho elencato, alcuni hanno portato risultati allarmanti…..non acquistare! Non rischiare di perdere tutti i tuoi soldi per risparmiare 30/40 euro.

Usa la testa!